Parigi tra gioco e make up

10154141_10202319773573192_1612390804_nLascio questa città….che respira di storia, di cultura, di divertimenti, cuore pulsante di moda e make up.
Torniamo a casa dopo 3 giorni intensi trascorsi a Parigi ” città degli innamorati, città romantica” , dove gni vetrina profuma di stile ed eleganza.
L’albergo è il Best Western Premier Fauborg 8810152036_10202324767418035_1381142654_n sulla 88 rue du Faubourg Poissonier potete ammirarlo qui http://www.hotel-faubourg88.com/ se vi trovate a parigi ve lo consiglio.
Molto accogliente, moderno, il personale molto gentile.
La stanza è piccola e il bagno enorme … del resto è quello che mi interessava per posizionare tutta la miriade di campioncini che mi sono portata dietro.
Cosa porta nel suo beauty Edonè make up quando parte?
  • Dischetti imbevuti di latte detergente che si attivano con l’acqua
  • Struccante occhi
  • Crema giorno e crema notte
  • Contorno occhi
  • Burro cacao
  • Fondotinta
  • Cipria
  • Blush
  • Matita nera
  • Mascara
  • Pennello kabuki
  • Spugnetta in lattice
  • Deodorante
  • Rossetti in formato minitaglia
  • Profumi in formato minitaglia
  • Spazzola
  • Detergente corpo e detergente intimo
  • Spazzolino
  • Dentifricio

Pensavate a pennelli, ombretti, eye-liner no quando parto preferisco avere una base perfetta e per il resto truccarmi l’essenziale

Ci sistemiamo e usciamo a cena, con Cloe carichissima ed emozionatissima per la giornata successiva.
2 giorno.
Perché Parigi?
10150694_10202319774773222_326043302_nNaturalmente per portare Cloe a Eurodisney, che belle sensazioni ho rivissuto, l’ultima volta che i miei occhi avevano visto questo luogo era stato circa 16 anni fa con la scuola superiore.
Nulla è cambiato da allora, la stessa magia, lo stesso stupore.
Guardare mia figlia e vederla con gli occhi illuminati di gioia per me è stata una cosa meravigliosa, la felicità sul suo viso è un ricordo che custodirò nel mio cuore per il resto della mia vita.
La giornata trascorre velocemente, si passa da un gioco ad un altro passando per file interminabili e Cloe instancabile come sempre.
Alle 18:00 come una bimba umana e non il robot di tutta la giornata Cloe crolla sul passeggino e noi ci incamminiamo verso l’albergo.
Terzo giorno .
1009860_10202319776893275_68456824_nUn passaggio alla torreTour Eiffel, sempre mastodontica, volevo per la prima volta salire su ma alla vista di un kilometro di fila … mi son detta “anche no”.
Così proseguiamo per Champs Eliseès e in fondo a questa strada sento già il profumo di quello store che sogno da tempo “Il tempio di MAC” Più camminiamo, vivido nella mia mente già vedo le mie mani piene di colore di ombretti, terre, illuminanti che proverò una volta li dentro.
Prego Michelangelo di tenere Cloe buona per un po’, il destino è a mio favore per strada un gruppo di gente è affollata a guardare un gruppo di artisti he Cloe ama osservare .
969864_10202319780493365_1128376581_n‘Siiiii finalmente sono sola e mi posso godere il momento tanto desiderato.
Entro con la stessa gioia che mia figlia aveva negli occhi quando è entrata a Euro Disney, non posso fotografare nulla è vietato rigorosamente ma se volete posso descrivervi centimetro per centimetro tutto lo store, ordinato, sezionato.
Incomincio a provare di tutto, so di non poter spendere un patrimonio, anche perché la valigia è strapiena e quindi alla fine di questo strepitoso tour porto con me due pezzi che secondo il mio parere non dovrebbero mancare nel beauty di ogni donna il correttore in crema e il famoso illuminante per highlighting.
La mia carta di credito piange …
non mi interessa esco da li è pochi metri dopo c’è lo Store Sephora più grande di Parigi.
Mi inebrio dei profumi di questo posto meraviglioso, mi soffermo sugli stand di make up …
Make up artist di tutto rispetto truccano in ogni stand, il tempo stringe e so che da li a poco vedrò spuntare Michelangelo con i capelli dritti dritti anche se capelli non ha e la mia gioia che vorrà come fa a casa provare tutto con me.
Tempo 5 minuti sento una vocina che urla “mammaaaaa io pureeeeee”
il sogno è svanito.
Mio marito mi sorride e mi dice io aspetto fuori molto umano lui.
Il resto del tempo l’ho passato più a bloccare Cloe a non far diventare il suo viso un arcobaleno di colori che a poter testare e guardare nuovi prodotti.
Di fretta metto nel cestino tanti formati viaggi di Sephora e mi avvio alla cassa.
Il nostro viaggio finisce, da questo aeroporto da cui vi sto scrivendo, una vacanza che rimarrà nel cuore per tanti motivi, uno su tutti aver esaudito il sogno di mia figlia: aver incontrato topolino in persona.
Ps: gli ha anche dato un bacio sul naso.
Potete trovare tutte le foto nella sezione Real life del blog

Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da Tiziana . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Tiziana

mi chiamo Tiziana Ciotta, vivo in Sicilia e mi sono laureta in Scienze dell’Educazione nel 2007. Sono Sposata e ho una meravigliosa bimba di tre anni. La mia passione per il make up nasce da quando mio padre, con gli occhi incerti mi guardava se mettevo un filo di gloss. Nel tempo ho avuto la possibilità di frequentare diversi corsi di Make up artist e avere la conferma che tuttò ciò che è colorato, scintillante, avvolgente mi travolge.

2 pensieri su “Parigi tra gioco e make up

  1. wow che bello, allora sei andata davvero a Parigi, sono contenta per te, un giorno ci voglio andare anche io e portare la mia bambina proprio a Disneyland

  2. Ma che bella avventura!!! Che carino Michi a tenere un pò Cloè…mi raccomando dopo il racconto scritto, vogliamo tutte il video dei tuoi acquisti!!! Tanti baci ciao ciao

Lascia un Commento